Come insegnare ai bambini a disegnare automobili

Il disegno è una delle prime passioni dei bambini. Appena hanno la possibilità di tenere una penna o matita in mano, si lanciano nella loro creatività. Quando c’è un bimbo, uno dei metodi migliori per intrattenerlo facendolo divertire, è quello di fargli disegnare automobili. Come? Non sai come insegnare ai bambini a disegnare automobili? Segui le nostre indicazioni e non avrai più problemi!

Iniziamo

Matite, temperini, gomme e fogli devono essere tutti a portata di mano: i bambini perdono facilmente pazienza e concentrazione. Potete incominciare facendogli vedere dei libri illustrati per bambini e sceglierete insieme la macchina da riprodurre. Alcune hanno forme molto squadrate e, sicuramente, saranno in grado di riprodurre il disegno da soli tirando quattro righe e aggiungendo due ruote, abbiamo iniziato tutti così. Se volete insegnare qualcosa di più definito, munitevi di pazienza e ricordate che è il bambino che deve disegnare, non voi.

Come aiutare i bambini a disegnare le automobili

Basta un semplice passaggio, fate vedere al bambino che la sua macchina squadrata può cambiare completamente volto se le linee diventano più morbide, tondeggianti. Dopo questo semplice passaggio, stimolateli ad aggiungere particolari, accessori, rifiniture e, cosa molto importante, a cambiare le proporzioni. Così facendo, dalla loro fantasia potranno nascere furgoncini, pick-up, fuoristrada, utilitarie e, chissà, la grande invenzione del futuro.

Per i bambini più piccoli ricordate di utilizzare lo schema base: fate disegnare un rettangolo grande al centro del foglio, sormontato da uno più piccolo che fungerà da abitacolo. Due cerchi sotto al rettangolo più grande fungeranno da ruote e ora passate alle rifiniture: finestrini, porte, fanali e chi più ne ha, più ne metta.

Ai bambini piace molto usare i pennarelli, ma i pastelli sono molto più adatti per imparare a disegnare e a colorare, inoltre, in caso di errore, non sarà un dramma, basterà utilizzare la gomma e tutto tornerà a posto.

Lascia un commento